Pubblicità cresce a luglio Mediaset

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!

Pubblicità: cresce a luglio Mediaset

Sono stati presentati i palinsesti di Mediaset e per la prima volta si parla anche della chiusura dell’anno in positivo per la crescita delle pubblicità. Una notizia importante per gli investitori ma c’è già chi guarda ancora più in alto.

La pubblicità sta vivendo un momento di crisi ma questo non vuol dire che ci siano dei terreni in cui l’operato dell’advertising ha ancora un senso. Questo terreno è la televisione dove si realizzano le larghe intese. Sul mercato della pubblicità, per esempio, Mediaset ha trovato un accordo.

Sicuramente ha inciso su questa relativa calma anche la ritrovata stabilità politica che ha reso gli investitori pubblicitari più interessati a quel che accade nel nostro paese. Per questo il vice presidente di Mediaset, Pier Silvio Berlusconi, annuncia che per la prima volta dopo due anni, a luglio, la raccolta pubblicitaria di Mediaset raggiungerà di nuovo un picco positivo.

Si prevede di andare oltre i risultati del 2020 con un incremento del 3 per cento rispetto all’anno scorso. Il fatto di attriburire al nuovo esecutivo il merito di questa inversione di tendenza non convince tutti, fatto sta che da quando Letta ha formato l’esecutivo di larghe intese, la situazione sta migliorando. Per il futuro si spera di avere un maggior numero di capitali a disposizione per sfidare la pay tv.

Repubblica.it

Economia & Finanza con Bloomberg®

Ricerca titolo

Mediaset, a luglio la pubblicità cresce.
Berlusconi cerca un partner contro Sky

L’annuncio del vice presidente del Biscione a margine della presentazione dei palinsesti: “E’ la prima volta in quasi due, difficile però chiudere l’anno in positivo”. E poi rilancia: “Sarebbe bello avere più capitali per competere sulla pay tv”

MILANO – Effetto larghe intese anche sul mercato della pubblicità. Pier Silvio Berlusconi, il vice presidente di Mediaset, non lo dice apertamente, ma in qualche modo lascia intendere che il governo bipartisan guidato da Enrico Letta ha tranquillizzato i mercati e gli investitori pubblicitari: “A luglio, per la prima volta dopo circa 24 mesi, la raccolta pubblicitaria di Mediaset torna con il segno positivo. La previsione è leggermente superiore al 3%” rispetto al luglio 2020″ ha detto a margine della presentazione dei nuovi palinsesti autunnali.

L’analisi di Berlusconi coincide proprio con la nascita del nuovo esecutivo di larghe intese che ha prestato giuramento a fine aprile: “Fino ad aprile – ha spiegato il vice presidente del Biscione – la raccolta pubblicitaria è stata in linea con i primi tre mesi dell’anno (-19%, circa), a maggio e giugno è andata un pò meglio, a luglio per la prima volta dopo circa 24 mesi torna ad avere un più davanti. Anche agosto ci sta dando segnali positivi. Si tratta di una buona notizia per Mediaset e per tutto il mercato pubblicitario. In italia siamo passati dai 9,5 miliardi di investimenti del 2009 ai 7 miliardi stimati per il 2020. Nel giro di qualche anno sono spariti 2,5 miliardi di euro”.

Anche per questo il manager non si è sbilanciato sulla possibilità che il 2020 chiuda con il segno più: “La vedo dura, dovrebbe accadere un miracolo. Quello che posso dire è che abbiamo fatto un grandissimo lavoro:

aspettiamo che le cose migliorino, ma come chiuderemo dipende dall’andamento del mercato pubblicitario”. Intanto, però, l’annuncio della ripresa a luglio a spinto gli investitori a comprare Mediaset, che in Borsa si muove in controtendenza rispetto al resto del mercato (segui il titolo in diretta).

Sotto l’aspetto industriale, invece, Mediaset auspica una partnership con altri broadcaster internazionali nella pay-tv in modo da competere meglio con Sky, ma – per il momento – i contatti con potenziali alleati non hanno portato ad accordi: “Sarebbe bello avere più capitali per competere con Sky – ha detto Berlusconi – siamo stati avvicinati più volte da 2-3 gruppi internazionali che sono imprenditori nel settore dei media. Il problema di questi gruppi è entrare nel mercato italiano. All’inizio avevano anche entusiamo ma poi la situazione del mercato italiano” ha fatto frenare le cose: “Senza Mediaset Premium, però, il 2020 del gruppo sarebbe peggiore”.

( 03 luglio 2020 ) © Riproduzione riservata

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!

Notizie

Cresce la pubblicità Mediaset nel primo semestre 2001: +4,4%

Mediaset comunica che i ricavi pubblicitari televisivi di Publitalia 80, concessionaria esclusiva del Gruppo, nei primi sei mesi 2001 hanno fatto registrare un’ulteriore crescita del 4,4% rispetto all’ottimo primo semestre 2000.

La performance di Publitalia и particolarmente positiva alla luce della situazione complessiva del mercato: secondo le ultime stime AC Nielsen i primi cinque mesi dell’anno vedono una crescita totale degli investimenti pubblicitari del 3,3%, mentre la raccolta televisiva chiude al +2,4%.

Il buon incremento dei primi sei mesi 2001 si aggiunge inoltre all’eccezionale risultato (+15%) conseguito nell’omologo periodo del 2000. Un risultato che porta, nei primi semestri del biennio 2000-2001, a una crescita di quasi il 20% rispetto ai primi sei mesi del 1999.

Milano, 17 luglio 2001

IL TITOLO IN BORSA

venerdì 17 aprile 2020 17.35

Ultimo Prezzo Titolo 1,804€

CALENDARIO

DOCUMENTI

Scarica gli ultimi documenti dell’investor Center di Mediaset

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!

Like this post? Please share to your friends:
Tutto sulle opzioni binarie
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: