Le ultime notizie dagli USA per guadagnare con il Forex

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!

Le ultime notizie dagli USA per guadagnare con il Forex

Molto tecnico l’andamento di EURUSD che rimane ben ancorato all’interno del nostro canale rialzista (grafico). Il momento interlocutorio di questi giorni dopo aver toccato quota 1.3950 è derivato dall’attesa sia per le parole della Yellen di ieri (un altro nulla di fatto molto scontato), sia soprattutto per le indicazioni che fornirà Mario Draghi oggi. Se infatti la condotta della FED è piuttosto scontata, la BCE ha sempre nell’armadio lo scheletro del quantitative easing, che si diverte a sventolare ogni tanto per muovere i mercati.

Lo yen giapponese torna a perdere terreno contro dollaro USA, complice anche un mercato azionario nipponico abbastanza tonico, con l’indice Nikkei che chiude la sessione di contrattazioni a +0.93%. Sembra quindi nuovamente instaurarsi un clima di ritorno al rischio con il raffreddamento nelle ore di ieri della questione ucraina. È ormai chiaro come i mercati e soprattutto gli asset rifugio siano legati a doppia mandata agli umori e alle mosse politiche, soprattutto in questioni così delicate. Dal punto di vista tecnico USDJPY rimane ancorato nel range 101.50 – 102 ritornando a lateralizzare nel minirange più basso dell’anno.

I dati australiani sull’occupazione nella terra dei kanguri hanno lasciato gli investitori e gli analisti a bocca aperta. Con un tasso di disoccupazione stabile al 5.8% che riflette una progressione importante del numero di occupati a 14.2 mila unità rispetto alle 6.8 mila attese e dati cinesi impressionantemente buoni dove la bilancia commerciale ha fatto registrare un avanzamento a 18.45 miliardi contro le attese a 13.09 miliardi e soprattutto contro un precedente a 7.71 miliardi, l’aussie ha subito un lancio verso l’alto ritornando ben oltre 0.9350 e assestandosi in queste ore a 0.9380. Ritorna quindi la forza del dollaro australiano, complice anche una certa e generalizzata debolezza di biglietto verde.

Voglia di riscatto per Fiat a Piazza Affari. Dopo il tonfo di ieri il titolo rimbalza in mattinata e registra una crescita di oltre il 2% a 7,63 euro per azione. Ieri l’azione del Lingotto è stata colpita dalle vendite (-11,68% a 7,48 euro) in scia alla presentazione del piano industriale 2020/2020 e della trimestrale. I target presentati a Detroit, specialmente quelli sul fronte vendite e debito, sono stati giudicati eccessivamente ottimistici dagli analisti. Nella galassia Agnelli positivo anche il titolo Exor che guadagna circa l’1%.

Notizie dai mercati

Notizie dai mercati: previsioni sull’andamento del Forex in tempo reale

La stragrande maggioranza delle attività finanziarie del Forex trading verte intorno al dollaro, per tanto, quando ci sono notizie relative alla valuta statunitense, le oscillazioni che riguardano tutte le coppie di valute con base dollaro, creeranno molteplici movimenti.

È risaputa la potenza economica che sono gli Stati Uniti, e tutto quello che riguarda le notizie finanziarie di questo Paese, desta molta attenzione tra i traders.

Quindi analizzando un grafico, come il successivo, potremo osservare che troveremo una serie di picchi in un trend principale.

Se si osservano, ogni giorno, i dati finanziari riguardanti gli Stati Uniti, ci si accorgerà che le valute legate al dollaro, avranno tendenze molto determinate. Quella dell’esempio di sopra è la coppia di valuta EUR/USD.

Contrariamente, nello stesso momento, la coppia EUR/JPY ha subito un’ascesa molto soft. Questo è dovuto al fatto che dagli USA sono arrivati meno dati per un’oscillazione consistente.

In entrambi i grafici l’euro è abbinato a una valuta differente, dollaro o yen giapponese, e nel caso della valuta orientale, le oscillazioni di tendenza, sono troppo scontate per un trader.

Quindi sfruttando la coppia EUR/JPY, si ha la possibilità di approfittare, senza un grande impegno, di questi movimenti a lungo termine.

Se si vuole fare un trade vincente, invece di investire con le Majors si può farlo con i cross valutari più semplici i Minor, per esempio.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!

Le ultime notizie dagli USA per guadagnare con il Forex

• Fare Forex – blog dedicato al Forex –
[link: http://www.fareforex.com/
]

• Pagina yahoo dedicata a quotazioni aggiornate e trend sul forex
[link: http://it.finance.yahoo.com/valute/forex.html
]

• Videocorsi su Forex e opzioni binarie –
[link: http://www.youtube.com/user/InvestingPeople1
]

• Pagina yahoo dedicata a quotazioni aggiornate e trend sul forex
[link: http://it.finance.yahoo.com/valute/forex.html
]

• Guide per iniziare col Forex –
[link: http://www.borsa-guadagno.com/category/forex
]

• importante forum incentrato sulle tematiche forex –
[link: http://www.forexitalia.org/
]

• Guide per iniziare col Forex –
[link: http://www.borsa-guadagno.com/category/forex
]

• Blog ben organizzato con glossario Forex, analisi tecnica e analisi delle valute
[link: http://www.forex-facile.it/
]

• Guida gratis in pdf + test di valutazione conoscenze base sul Forex-
[link: http://www.forexguida.com/Guida-Forex-PDF/
]

• Aggregatore news sul forex –
[link: http://labs.ebuzzing.it/finanza/valute/foreign_exchange_market/
]

• Notizie e guide sul forex. Le recensioni rimandano a noti siti di sponsor di operatori –
[link: http://www.mondoforex.com/
]

• articoli e discussioni sui mercati fx –
[link: http://www.tuttoforex.net/category/guide-e-tutorial
]

• risorse gratuite su grafici e pattern + una guida scaricabile
[link: http://www.forexok.it
]

• pdf gratuiti sul forex riservato a principianti.
Nello stesso sito presenti anch altre guide di livello piщ avanzato
su strategie forex (in inglese) –
[link: http://www.earnforex.com/
]

• Glossario di termini utilizzati nel Forex-
[link: http://www.tuttoforex.com/
]

• Guida video gratis per principianti –
[link: http://www.favoloso.org/
]

CHE COS’E’ IL FOREX

A quanto sostiene Peter Garnham sul sito del Financial Times
“Negli ultimi anni il trading sul forex è diventato molto popolare tra gli investitori privati. La popolarità è stata trainata soprattutto dalla possibilità dell’utilizzo della leva e dalla opportunità di sfruttare il mercato in ambo le direzioni. Molti dei maggiori broker offriranno conti di prova gratuiti ai principianti per fare pratica di trading. È importante conoscere gli strumenti finanziari offerti dai Broker FX e sapere che è sempre presente una possibilità di perdita. É necessario individuare il livello di rischio che si intende correre”.

Il mercato forex è un mercato monetario interbancario o tra altre controparti, creato nel 1971 quando cominciarono ad apparire tassi di cambio fluttuanti. Il foreign exchange market è enorme se comparato ad altri mercati. Ad esempio, il volume medio giornaliero di scambi che riguardano i buoni del Tesoro USA è di 300 miliardi di dollari e il mercato azionario USA ha un volume medio giornaliero di meno di 10 miliardi di dollari. Dieci anni fa il Wall Street Journal ha stimato che il volume giornaliero degli scambi che avvengono sul forex ecceda i 1.000 miliardi di dollari. Oggi questa cifra è aumentata spropositatamente.

Il gold exchange standard presentava, comunque, dei problemi. Al crescere, un’economia avrebbe importato beni dall’estero fino all’esaurimento delle riserve auree. Il risultato di ciò era una restrizione dell’offerta di moneta nel paese che causava un innalzamento dei tassi di interesse comportante un rallentamento dell’attività economica che avrebbe potuto portare anche alla recessione.

Infine la recessione avrebbe causato una caduta dei prezzi dei beni così in basso che essi sarebbero apparsi convenienti ad altri paesi. Ciò a sua volta portava ad un flusso inverso di oro in entrata nell’economia e il risultante aumento nell’offerta di moneta causava una caduta del tasso d’interesse ed un rafforzamento dell’economia. Tali pattern di boom-recessione erano frequenti nel mondo durante gli anni del gold exchange standard e fino allo scoppio della Prima guerra mondiale che interruppe il libero flusso degli scambi e di conseguenza i movimenti dell’oro.

Dopo la guerra fu adottato il Bretton Woods Agreement, col quale le nazioni partecipanti accettavano di mantenere il valore delle loro valute all’interno di uno stretto margine di cambio con il dollaro. Un tasso era anche fissato per stabilire il rapporto del dollaro rispetto all’oro. Alle nazioni era proibito di svalutare la propria valuta oltre il 10% per migliorare la propria posizione commerciale. In seguito della Seconda guerra mondiale il commercio internazionale si espanse rapidamente per via delle esigenze di ricostruzione post-bellica e ciò comportava massicci movimenti di capitali. Ciò destabilizzava i tassi di cambio che erano stati fissati per mezzo degli accordi di Bretton Woods.

Tali accordi furono infine abbandonati nel 1971, e in seguito a ciò il dollaro non fu più convertibile in oro. A partire dal 1973, le valute delle nazioni maggiormente industrializzate divennero più liberamente fluttuanti, essendo spinte principalmente dalle forze dell’offerta e della domanda. I prezzi erano formati da volumi, velocità e volatilità crescenti durante gli anni settanta. Ciò portò alla nascita di nuovi strumenti finanziari, alla deregolamentazione del mercato e al libero scambio. Comportò inoltre un aumento del potere degli speculatori.

Negli anni ottanta i movimenti internazionali di capitali ebbero un’accelerazione per l’avvento dei computer ed il mercato divenne continuo, con scambi che si svolgevano tra i continenti asiatico, europeo ed americano, ed i relativi fusi orari. Le grosse istituzioni bancarie crearono sale operative in cui centinaia di milioni di dollari, sterline, euro e yen venivano scambiati nel giro di pochi minuti. Gli odierni broker operano quotidianamente nel forex, avvalendosi di strumenti elettronici, ad esempio a Londra, dove singoli scambi per decine di milioni di dollari vengono conclusi in pochi secondi. Il mercato è cambiato significativamente essendo la maggior parte delle transazioni finanziarie finalizzate non all’acquisto o alla vendita di beni ma al fine di speculare sul mercato essendo l’intento della gran parte degli operatori di fare soldi con i soldi.

Londra si è affermata come il principale centro finanziario globale ed è il più grosso mercato forex del mondo. Tale affermazione non è dovuta solo al suo posizionamento, che le consente di operare durante l’apertura dei mercati asiatici ed americano, ma anche alla creazione del mercato dell’Eurodollaro. Il mercato dell’Eurodollaro si venne a creare durante gli anni 50 quando i proventi che l’Urss derivava dalla vendita del petrolio, tutti denominati in dollari, venivano depositati al di fuori degli USA per il timore che venissero bloccati dalle autorità statunitense. Questa pratica fece sì che un grosso quantitativo di dollari statunitensi si trovasse al di fuori del controllo degli Stati Uniti. Queste vaste riserve di liquidità erano molto attraenti per gli investitori di tutto il mondo in quanto erano soggette ad una regolazione molto meno penetrante e offrivano una redditività più elevata.

Al giorno d’oggi Londra continua a crescere in quanto un numero crescente di banche americane ed europee stabiliscono i loro quartieri generali regionali nella city. I volumi scambiati su questi mercati sono enormi e le banche più piccole, gli hedgers commerciali e i piccoli investitori hanno raramente accesso diretto a questo mercato liquido e competitivo, sia perché non soddisfano i requisiti di credito necessari sia perché le dimensioni delle loro transazioni sono troppo limitate. Ad ogni modo oggi i market maker possono scomporre le loro grosse unità inter-bank ed offrire ai piccoli operatori l’opportunità di comprare e vendere un numero qualsiasi di tali unità più piccole (lots).

Il forex è unico sotto numerosi profili:

* volume degli scambi,
* l’estrema liquidità del mercato,
* il gran numero e la varietà degli operatori attivi sul mercato,
* il decentramento geografico,
* la durata giornaliera degli scambi – 24 ore al giorno (fatta eccezione per i weekend)
* la varietà di fattori che influenzano i tassi di cambio,

A quanto risulta dallo studio Triennial Central Bank Survey 2004 della Banca dei Regolamenti internazionali, il turnover giornaliero medio sui mercati forex tradizionali è stimato ammontare a 1.880 miliardi di dollari. Le medie giornaliere relative all’aprile di differenti anni, in miliardi di dollari sono rappresentate nel grafico seguente:

Turnover del mercato forex globale:

* 621 miliardi di dollari spot
* 1.260 miliardi di dollari in derivati, di cui
* 208 miliardi di dollari in forward
* 944 miliardi di dollari in forex swaps
* 107 miliardi di dollari in FX options.

I futures contracts relativi al forex furono introdotti nel 1972 alla Chicago Mercantile Exchange ed essi sono attivamente scambiati in relazione con la maggior parte degli altri contratti future. Il volume dei Forex futures volume è cresciuto rapidamente negli ultimi anni, pur ammontando solo al 7% circa del volume totale del mercato forex, secondo quanto riportato dal Wall Street Journal Europe (5/5/06, p. 20).

I dieci trader più attivi effettuano circa il 73% del volume degli scambi, secondo quanto riportato dal Wall Street Journal Europe, (2/9/06 p. 20). Queste grandi banche internazionali forniscono in continuazione al mercato sia i prezzi bid (di acquisto) che ask (di vendita). Il bid/ask spread è la differenza tra i prezzi alla quale una banca od un market maker è disposto a vendere (“ask”, o “offer”) ed il prezzo al quale un market maker è disposto a comprare (“bid”) da un cliente wholesale. Questo spread è minimo per coppie di valute molto scambiate, ammontando solitamente a soli 1-3 pip. Ad esempio, il rapporto bid/ask tra EUR/USD sarebbe 1,2200/1,2203. Il volume minimo per la maggior parte delle transazioni è solitamente 100.000 dollari.

Tali spread possono non applicarsi alla clientela retail delle banche, le quali in genere fanno un mark up sul rapporto portandolo in ipotesi a 1,2100 / 1,2300 per i trasferimenti, o 1,2000 / 1,2400 per le banconote od i travelers cheques. I prezzi spot dei market makers variano, ma tra EUR/USD solitamente non superano i 5 pip (ossia 0,0005). La concorrenza ha determinato un notevole restringimento degli spread per le maggiori valute, fino a minimi che variano tra 1 e 1,5 pip.

Le tipologie di strumenti finanziari comunemente utilizzate sono molteplici.

Forward transaction: Un modo per fare fronte al rischio di cambio è l’entrare in un contratto forward. In tale transazione, il denaro non passa di mano fino ad una data futura prestabilita. Un compratore ed un venditore si accordano su di un tasso di cambio in una data futura, e la transazione si verifica in quella data al tasso di cambio stabilito, indipendentemente dai tassi di cambio di mercato effettivi. La durata di un tale contratto può essere di giorni, mesi o anche anni.

Futures: I futures sulle valute estere sono transazioni forward caratterizzate da importi e scadenze standard – ad esempio, 500.000 sterline il prossimo novembre ad un tasso prestabilito. I Futures sono standardizzati e sono solitamente scambiati in un mercato creato ad hoc. La durata media del contratto è di circa 3 mesi. I contratti futures solitamente comprendono qualsiasi ammontare di interessi.

Swap: La tipologia più comune di transazione forward è lo swap su valute. In uno swap, due parti si scambiano valute per un certo periodo di tempo e si accordano ad invertire la transazione in una data futura. Gli swap non sono contratti standard e non vengono scambiati in un mercato.

Spot: Una transazione spot è uno scambio caratterizzato dalla scadenza di due giorni, diversamente dai Futures contracts, che solitamente hanno scadenza di tre mesi. Questa transazione rappresenta uno “scambio diretto” tra due valute, ha la durata più breve, e riguarda denaro liquido più che un contratto; e gli interessi non sono inclusi nella transazione concordata. I dati per questo studio provengono dallo Spot market.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!

Like this post? Please share to your friends:
Tutto sulle opzioni binarie
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: