Il delirio dell’Euro nella prossima settimana

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!

Il delirio dell’Euro nella prossima settimana

Il ForEX, l’abbiamo detto più volte, è uno dei terreni d’investimento preferiti da chi opera con le opzioni binarie. Prevedere le oscillazioni di una moneta e il suo rapporto con le altre valute, diventa quanto meno semplice osservando alcuni elementi del mercato e della politica.

Parlando del ForEX nei scorsi giorni, abbiamo preso in esame le valute che hanno guadagnato rispetto all’euro e abbiamo provato a capire se ci può essere una strategia politica da adottare per il salvataggio della moneta unica. Abbiamo considerato la proposta di Mayer dell’euro a tre velocità ma adesso passiamo all’esame della situazione.

In questo momento l’euro sta attraversando un periodo piuttosto tranquillo sul fronte degli scambi dove si oscilla tra 1.26 e 1.29 nel cambio con il dollaro. La coppia EUR/USD è costantemente sotto osservazione. Questa stasi, però, secondo gli analisti di Commerzbank, anticipa un momento di forte trambusto.

La settimana prossima, infatti, le borse potrebbero già reagire a due momenti della vita politica del Vecchio Continente: la decisione sulla Grecia che era stata posticipata e la pubblicazione dei dati sul PMI manifatturiero e servizi dell’UE con uno zoom su Francia e Germania.

Questi elementi informativi, combinati con una volatilità consistente sul cambio Euro/Dollaro fanno presagire una vera bolla finanziaria. Da tenere d’occhio.

Tag: opzioni binarie eur usd

Il delirio dell’Euro nella prossima settimana

Il ForEX, l’abbiamo detto più volte, è uno dei terreni d’investimento preferiti da chi opera con le opzioni binarie. Prevedere le oscillazioni di una moneta e il suo rapporto con…

di Luigi Boggi – 23 Novembre 2020

Analisi sul mercato Forex

Alcuni analisti, giornalmente, offrono una disamina di quel che è accaduto nel mercato ForEX del giorno precedente in modo da orientare le scelte degli investitori. Vi proponiamo un excursus ragionato…

di Luigi Boggi – 28 Settembre 2020

Opzioni binarie 60 secondi: cosa sapere

di Valentina Cervelli

Opzioni binarie vietate: tiriamo le somme

di Valentina Cervelli

Opzioni binarie, gli indicatori più importanti per principianti

di Valentina Cervelli

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!

Trading: 24Option sospesa da Consob in Italia

di Valentina Cervelli

Opzioni binarie, Bande di Bollinger e Oscillatore RSI

di Valentina Cervelli

OpzioniBinarieLive is part of the network IsayBlog! whose license is owned by Nectivity Ltd.

Managing Editor: Alex Zarfati

OpzioniBinarieLive è un sito esclusivamente divulgativo e non può essere ritenuto responsabile degli investimenti effettuati dagli utenti.

La Bce pronta a intervenire nell’eurozona: un nuovo bazooka in arrivo a settembre

MILANO. La Bce è pronta a sfoderare di nuovo le sue armi di politica monetaria: la crescita dell’Area Euro si indebolisce anche per le incertezze legate alle tensioni internazionali, in particolare per la guerra commerciale in atto. Occorre agire, dicono da Francoforte, e si preparano a farlo a settembre. Nella sua ultima riunione di giugno, il consiglio direttivo della Bce «ha posto in risalto – si legge nel bollettino – la necessità di un orientamento di politica monetaria altamente accomodante per un prolungato periodo di tempo» di fronte a un’inflazione «costantemente al di sotto di livelli in linea con il valore previsto». Del resto, il quadro dell’andamento dell’economia non è dei più confortanti. I dati più recenti e «gli ultimi risultati delle indagini congiunturali indicano una crescita in certa misura più debole nel secondo e terzo trimestre del 2020».

In più i rischi per le prospettive di crescita «restano orientati verso il basso, per effetto delle prolungate incertezze connesse a fattori geopolitici, alla crescente minaccia del protezionismo e alla vulnerabilità dei mercati emergenti». Con tutto questo «persiste la necessità di un grado significativo di stimolo monetario per assicurare il persistere di condizioni finanziarie molto favorevoli a sostegno dell’espansione dell’area dell’euro, dell’accumulo di pressioni interne sui prezzi e, di conseguenza, della dinamica dell’inflazione complessiva nel medio periodo». Il Consiglio direttivo ha dunque «adeguato le sue indicazioni prospettiche sui tassi di interesse di riferimento, sottolineando la propria determinazione a intervenire se le prospettive di inflazione a medio termine continueranno a essere inferiori all’obiettivo prefissato».

Alla base delle considerazioni di Francoforte c’è il fatto che se da una parte «gli ulteriori incrementi dell’occupazione e le retribuzioni in aumento continuano a sostenere la capacità di tenuta dell’econ omia», dall’altra «l’attenuazione della dinamica della crescita mondiale e la debolezza del commercio internazionale continuano a gravare sulle prospettive per l’Area dell’euro». Il punto è che, a colpi di dazi e tensioni internazionali si sta indebolendo il vero motore dell’economia, che è la fiducia. Fiducia che sta calando, sottolineano a Francoforte, «in particolare nel settore manifatturiero. In tale contesto, le spinte inflazionistiche sono rimaste contenute e gli indicatori delle aspettative di inflazione hanno evidenziato un calo».

Cosa farà dunque la Bce? All’orizzonte si intravedono tassi bassi ancora a lungo e un ritorno di fiamma del «quantitative easing», ovvero il riacquisto da parte della stessa Banca centrale di titoli di debito. Il Consiglio direttivo infatti «ha incaricato i comitati competenti dell’Eurosistema di valutare alcune possibilità – si legge nel bollettino –, fra cui modalità di rafforzamento delle indicazioni prospettiche in merito ai tassi di interesse di riferimento, misure di attenuazione, quali l’elaborazione di un sistema a più livelli per la remunerazione delle riserve, e alcune possibili opzioni riguardanti la dimensione e la composizione di eventuali nuovi acquisti netti di attività».

Secondo la Bce, «la riduzione dell’imposizione diretta e dei contributi previdenziali ha influito positivamente sul potere di acquisto delle famiglie, per effetto delle politiche fiscali adottate in diversi paesi dell’area dell’euro» tra cui il nostro e la Francia. E rileva che a seguito della decisione della Commissione Ue di non dar seguito alla procedura di infrazione sul debito, anche lo spread italiano si è ridotto di 77 punti base, «all’incirca all’1,60%», salvo poi risalire sopra il 2% negli ultimi giorni di terremoto al governo.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!

Like this post? Please share to your friends:
Tutto sulle opzioni binarie
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: