Continua a perdere posizioni l’Italia. Sviluppo ancora negativo

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!

Continua a perdere posizioni l’Italia. Sviluppo ancora negativo

Tra il 1996 e il 2020 l’Italia, ha avuto i più bassi movimenti di crescita del Pil pro capite con solo il +2,1%, molto distante dai principali partners europei, quali Francia (+18%), Spagna (+24,5%), Germania (+25,4%) e Regno Unito (+31,9%). E molto distante anche riguardo ai Paesi dell’Est e del Nord Europa cresciuti a tassi che vanno dal +47,8% dell’Ungheria fino al +168% della Lituania. Lo afferma un’analisi dell’Ufficio Studi Confcommercio, contenuta nel rapporto “Fiscalità e crescita economica”. Dopo la pesante recessione del 2009, quasi tutte le economie avanzate hanno riavviato, anche se con qualche difficoltà, il processo di crescita bruscamente interrotto.

Sicuramente le economie europee hanno dato prova di una più grande fragilità e una inferiore reattività allo shock ciclico per tornare sui ritmi pre-crisi in confronto, ad esempio, all’area nordamericana o agli emerging markets asiatici, e quindi è sicuramente vero che i problemi di crescita riguardino, nel globale, tutta l’Europa. Ma nel contesto europeo – spiega l’analisi di Confcommercio -, la difficoltà dell’ incapacità di tornare su un percorso di sviluppo rimane, purtroppo, una singolarità tutta italiana, creatasi già prima della recessione del 2008, che porta l’Italia lontano dalle altre principali economie dell’eurozona.

Nel giro di poco più di dieci anni, tra il 1996 ed il 2007, il reddito reale pro capite degli italiani è cresciuto complessivamente meno del 15%, circa cinque punti in meno di Francia e Germania, dieci punti in meno della media dell’eurozona, metà della crescita degli Usa e quasi due terzi in meno di quella del Regno Unito.

Tag: italia

Il ritardo delle riforme italiane influenza l’economia europea

“L’Italia non può che dar la colpa a se stessa”, è quanto affermato da Mario Draghi, dopo aver analizzato la terza recessione in cui l’Italia è ricaduta dal 2008. Il…

di Luigi Boggi – 13 Agosto 2020

Continua a perdere posizioni l’Italia. Sviluppo ancora negativo

Tra il 1996 e il 2020 l’Italia, ha avuto i più bassi movimenti di crescita del Pil pro capite con solo il +2,1%, molto distante dai principali partners europei, quali…

di Luigi Boggi – 12 Agosto 2020

In Italia il debito pubblico corre veloce

Si è toccato un nuovo record assoluto per il debito pubblico italiano che nel mese di maggio è aumentato di 20 miliardi rispetto al mese di aprile e è arrivato…

di Luigi Boggi – 16 Luglio 2020

Opzioni binarie, la tassazione degli strumenti finanziari

Dal 1° Luglio 2020 i proventi di investimenti in azioni, obbligazioni, fondi investimento e gli interessi prodotti dagli strumenti di liquidità come conti correnti e conti deposito, dovranno sottostare ad…

di Luigi Boggi – 22 Maggio 2020

Le nozioni fondamentali per investire in opzioni binarie

Operare in opzioni binarie, significa utilizzare strumenti di investimento che prendono il nome di derivati. Quindi è importante, se non fondamentale conoscere le caratteristiche di questi strumenti. Quindi andiamo ad…

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!

di Luigi Boggi – 11 Maggio 2020

Italia: in cerca di case all’estero

Gli italiani non rinunciano al sogno di avere una casa ma se nel nostro paese i prezzi degli immobili sono sempre più alti, allora si va all’estero e cercare l’occasione…

di Luigi Boggi – 29 Agosto 2020

Italia: si spende meno e si risparmia di più

Gli italiani con la crisi non fanno proprio la pace. Insomma, a dispetto di quello che dicono le statistiche, l’insieme di coloro che sono fiduciosi nella ripresa, continua ad ingrandirsi….

di Luigi Boggi – 28 Agosto 2020

Italia: cresce ancora la spesa pubblica

Un paese che spende molto per i suoi cittadini, in genere, dovrebbe offrire un servizio efficiente, corrispondente all’impegno economico preso dalle Pubbliche Amministrazioni ma non sempre è così che funzionano…

di Luigi Boggi – 26 Agosto 2020

Italia: si rinuncia ai beni di prima necessità

La spending review è un imperativo che adesso ossessiona anche le famiglie italiane alle prese con la riduzione del loro potere d’acquisto. Gli stipendi, i salari e le pensioni non…

di Luigi Boggi – 26 Agosto 2020

Italia: rallenta il PIL ma non troppo

La crisi è ancora molto importante nel Vecchio Continente e nel nostro paese in particolare. Tanto che seppure si pensa che l’Europa sia ormai fuori dalla recessione, non si può…

di Luigi Boggi – 22 Agosto 2020

Opzioni binarie 60 secondi: cosa sapere

di Valentina Cervelli

Opzioni binarie vietate: tiriamo le somme

di Valentina Cervelli

Opzioni binarie, gli indicatori più importanti per principianti

di Valentina Cervelli

Trading: 24Option sospesa da Consob in Italia

di Valentina Cervelli

Opzioni binarie, Bande di Bollinger e Oscillatore RSI

di Valentina Cervelli

OpzioniBinarieLive is part of the network IsayBlog! whose license is owned by Nectivity Ltd.

Managing Editor: Alex Zarfati

OpzioniBinarieLive è un sito esclusivamente divulgativo e non può essere ritenuto responsabile degli investimenti effettuati dagli utenti.

Performance climatica, Italia scende al 26esimo posto

Roma, 10 dic. (Adnkronos) – L’Italia continua a perdere posizioni e scende al 26esimo posto nella classifica sulla performance climatica dei principali Paesi del Pianeta. A Madrid, dov’è in corso la Conferenza sul clima (Cop25), è stato presentato il report realizzato da Germanwatch, Can e NewClimate Institute con la collaborazione di Legambiente per l’Italia

Nello studio si prende in considerazione la performance climatica di 57 Paesi, più l’Unione Europea nel suo complesso, che insieme rappresentano circa il 90% delle emissioni globali. La performance è misurata, attraverso il Climate Change Performance Index (Ccpi), prendendo come parametro di riferimento gli obiettivi dell’Accordo di Parigi e gli impegni assunti al 2030. Il Ccpi si basa per il 40% sul trend delle emissioni, per il 20% sullo sviluppo sia delle rinnovabili che dell’efficienza energetica e per il restante 20% sulla politica climatica.

L’Italia perde ancora posizioni e scende al 26°posto rispetto al 23° dello scorso anno (e al 16° di due anni fa), nonostante una piccola riduzione delle emissioni (-1% nel 2020 rispetto all’anno precedente). Una performance negativa – secondo l’analisi – dovuta principalmente al rallentamento dello sviluppo delle rinnovabili (29esima posizione) e per una politica climatica nazionale inadeguata agli obiettivi di Parigi. La bozza del Piano Nazionale Integrato Energia e Clima (Pniec) consente una riduzione delle emissioni al 2030 di appena il 37%. Un passo indietro rispetto alla Strategia Energetica Nazionale (Sen) adottata nel dicembre 2020 che fissava un obiettivo del 42%.

È, nel complesso, l’intera Unione europea a fare quest’anno un notevole passo indietro, posizionandosi al 22° posto rispetto al 16° dello scorso anno a causa della scarsa efficacia delle politiche nazionali che rischiano di compromettere il raggiungimento degli obiettivi al 2030 per clima ed energia. Infatti, secondo le recenti proiezioni dell’Agenzia europea dell’ambiente, il trend di riduzione delle emissioni al 2030 è di appena il 36%, inferiore all’obiettivo attuale del 40%.

“L’Italia può e deve fare la sua parte nella lotta alla crisi climatica, ma serve un drastico cambio di passo rispetto al Piano Nazionale Integrato Energia e Clima proposto dal governo – dichiara da Madrid dove è in corso la Cop25 Edoardo Zanchini, vicepresidente di Legambiente – Nel piano italiano non si va oltre una prospettiva di riduzione delle emissioni di appena il 37%, con una proiezione al 2050 del 64%. Obiettivo ben al di sotto delle possibilità del nostro Paese, come abbiamo recentemente dimostrato presentandouna roadmap che consentirebbe di anticipare la completa decarbonizzazione della nostra economia entro il 2040, grazie ad un pacchetto di misure ambizioso e perfettamente praticabile fin da subito”.

Quanto all’Europa, osserva l’associazione, “può e deve ridurre le sue emissioni di almeno il 65% entro il 2030, rispetto ai livelli del 1990, per raggiungere zero emissioni nette in modo economicamente efficiente entro il 2040, anticipando gli impegni di riduzione delle emissioni secondo quanto previsto dall’Accordo di Parigi per i paesi industrializzati”.

Tornando al rapporto, anche quest’anno le prime tre posizioni della classifica non sono state attribuite, in quanto nessuno dei Paesi ha raggiunto la performance necessaria per contrastare in maniera efficace i cambiamenti climatici in corso, in coerenza con gli obiettivi dell’Accordo di Parigi, e non superare la soglia critica di 1.5°C.

Al 4° posto si classifica ancora una volta la Svezia grazie ad un’ambiziosa politica climatica e una continua crescita delle rinnovabili, seguita dalla Danimarca che fa un grande passo in avanti salendo di dieci posizioni rispetto allo scorso anno. Tra i Paesi emergenti, l’India migliora ancora la sua performance posizionandosi al 9° posto, grazie alle basse emissioni pro capite e al considerevole sviluppo delle rinnovabili. La Germania fa un piccolo passo in avanti posizionandosi al 23°posto. Performance dovuta alla recente approvazione del pacchetto clima, che prevede tra l’altro il phasing-out del carbone entro il 2038.

Anche la Cina registra miglioramenti e raggiunge il centro della classifica posizionandosi al 30° posto, grazie ad una politica climatica più incisiva e all’ulteriore sviluppo delle rinnovabili, ma la scarsa performance nella riduzione delle emissioni e nell’efficienza energetica continuano ad avere un peso negativo sul suo ranking. Per la prima volta l’Arabia Saudita (60) lascia il fondo della classifica agli Stati Uniti (61).

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!

Like this post? Please share to your friends:
Tutto sulle opzioni binarie
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: