Buoni i dati sul mercato USA del lavoro

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!

Mercato del lavoro Usa, buoni i dati

di Giuseppe Di Vittorio 10/11/2020 10:00

tempo di lettura

A poche ore dalla pubblicazione dei dati sul mercato del lavoro americano arrivano le prime impressioni della comunità finanziaria. Una dichiarazione che approfondisce meglio i dati al di là del confronto fra dato in uscita e aspettative è quella di Marc Ostwald, strategist di Adm Investor Services International. “I dati sono buoni”, per l’operatore sui mercati finanziari. “Quando gli operatori nel week end leggeranno con profondità il report dell’agenzia di statistica statunitense troveranno molti spunti significativi”, ha aggiunto Ostwald. L’idea è che per molti le aspettative di un rialzo dei tassi di interesse saranno anticipate alla prima metà del 2020. Fin qui il mercato sconta un rialzo nella seconda metà del prossimo anno.

Ma cerchiamo di approfondire il dato uscito. Nel mese di ottobre sono stati creati 214 mila nuovi posti di lavoro a fronte dei 256 mila del mese precedente e soprattutto meno dei 231 mila previsti. Il tasso di disoccupazione è però sceso al 5,8%. La disoccupazione ha battuto sia le attese (5,9%) che il dato precedente 5,9%. La disoccupazione appare quindi stabilmente sotto la soglia psicologica del 6%, uno dei primi livelli indicati come target da parte della Federal Reserve. Va poi tenuto conto che il dato relativo al mese di agosto è stato rivisto al rialzo di 31 mila unità.

Altra nota positiva è quella dell’aumento del tasso di occupazione. La partecipazione alla forza lavoro è cresciuta attestandosi al 62,8% dal 62,7%, aumenta anche inoltre il numero di famiglie che possano vantare almeno un occupato.

Al momento però non sembrano esserci pressioni inflazionistiche, è questo contrasta in parte con la tesi di Ostwald di un rialzo dei tassi di interesse per la prima parte del 2020. La paga oraria è risultata in crescita dello 0,1% ad ottobre rispetto al mese precedente e del 2,00% anno su anno. Mese su mese gli analisti stimavano una crescita dello 0,2%. I nuovi posti di lavoro sono stati creati soprattutto nei settori dei servizi lowcost (alberghiero, commercio la dettaglio e del tempo libero).

Alcuni giorni fa, il dipartimento del lavoro Usa, ha segnalato che su base trimestrale la produttività del settore non agricolo in USA nel periodo luglio settembre ha registrato un rialzo del 2% rispetto al 2,9% rivisto del trimestre precedente (2,3% la prima lettura). Per quanto riguarda il costo per unità di lavoro si è registrato un incremento dello 0,3% su base trimestrale (sempre nello stesso periodo) dal -0,5% rivisto (-0,1% la stima preliminare). Gli analisti stimavano un +0,5%.

Buoni i dati sul mercato USA del lavoro

Direttore Rischi presso Ebury. Deciso a mitigare il rischio di cambio tramite strategie personalizzate, specifiche analisi di mercato e accurate previsioni valutarie per conto di Bloomberg

l forte dato sul mercato del lavoro americano della settimana scorsa ha rafforzato la nostra convinzione, confermando che non c’è nessun rallentamento nella creazione di posti di lavoro. Questa notizia ha riportato i rendimenti dei treasuries decennali di nuovo sopra il livello psicologico del 2.00% ed ha innescato un forte rally del dollaro che ha chiuso la settimana in rialzo contro ogni valuta G10, eccetto il dollaro canadese, a sua volta sostenuto da buoni dati sul mercato del lavoro.

Va notato il fatto che il dollaro abbia performato meno nei confronti delle principali valute dei mercati emergenti, molte delle quali sono riuscite ad ottenere ancora buoni risultati nonostante i rendimenti più alti dei treasuries americani, in quanto i timori per l’economia mondiale si stanno attenuando.

Il focus per la prossima settimana rimane sulla Federal Reserve con Powell che parlerà al congresso. Sarà interessante vedere fino a che punto i recenti dati economici positivi, smorzeranno il suo entusiasmo per una politica monetaria più accomodante.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!

L’annuncio di Christine Lagarde alla presidenza della BCE lancia un messaggio di continuità e, probabilmente, un approccio leggermente più accomodante. I mercati certamente lo hanno interpretato in questo modo, dal momento che i titoli di stato italiani hanno registrato un abbassamento dello spread e l’euro ha iniziato a perdere terreno anche prima dei dati sul mercato del lavoro statunitense di venerdì. Inoltre, la decisione dell’UE di non procedere con la procedura d’infrazione contro l’ltalia per il suo deficit di bilancio indica una visione più tollerante riguardo alla politica fiscale. Ciò significa, a nostro avviso, che una politica monetaria più accomodante potrebbe essere meno necessaria e ciò sarebbe positivo per l’euro nel medio periodo.

Le notizie positive sul fronte delle trattative commerciali sono passate in secondo piano venerdì dopo l’uscita di un eccellente dato sui Non Farm Payrolls. La creazione di nuovi posti di lavoro ha registrato una forte ripresa dopo il calo di maggio ed i salari reali continuano a crescere costantemente, anche se in maniera modesta: non vi è, pertanto, alcun segno di recessione o di un significativo rallentamento dell’economia USA. Dopo i dati di venerdì, i mercati sembrano escludere ogni possibilità di un taglio di 50 punti base nella riunione della Federal Reserve di luglio. Pensiamo tuttavia, che un taglio sia politicamente inevitabile sebbene non vediamo le condizioni per un ciclo prolungato di taglio dei tassi.

Ci sono segnali evidenti che l’incertezza sulla Brexit stia iniziando ad avere un impatto sulla fiducia delle imprese britanniche. Gli indicatori PMI sono scesi al di sotto del livello chiave 50 che indica la contrazione. Questa settimana vedremo con l’uscita del PIL di mercoledì se questa perdita di fiducia troverà riscontro anche nei dati economici.

Buoni i dati sul mercato USA del lavoro

Il mercato del lavoro USA si sta riprendendo, lo si apprende da uno dei documenti più interessanti e più attesi nel settore economico e finanziario: il rapporto NFP. Il mercato ForEX è praticamente dipendente dalle informazioni che si tirano fuori da questo report.

Il rapporto NFP è stato pubblicato venerdì scorso ed ha illustrato bene il cambiamento intervenuto a novembre nel mercato del lavoro statunitense. Un cambiamento che lascia spazio a previsioni ottimistiche: pane per i denti degli investitori in opzioni binarie.

Nel mese appena archiviato, dunque, sono stati aggiunti 146 mila posti di lavoro e ci si aspettava un incremento di appena 89 mila posti. Peccato che le notizie relative alla disoccupazione siano un po’ confuse nel senso che si è parlato di un calo dal 7,7 al 7,9 per cento, con il raggiungimento della soglia minima di disoccupati nell’arco di tre anni.

A calare è stato anche il tasso di partecipazione, che indica come sempre meno persone siano in cerca di lavoro. La risposta data dagli intervistati è che al momento hanno smesso di cercare un’occupazione perché stanno ponendo un rimedio ai danni provocati dall’uragano Sandy.

Un evento climatico che in fin dei conti ha inciso poco sulla situazione occupazionale generale. Da notare la crescita dei posti di lavoro nel settore dei servizi e in quello delle vendite al dettaglio, mentre diminuiscono i posti nel settore delle costruzioni.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!

Like this post? Please share to your friends:
Tutto sulle opzioni binarie
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: