Borse cautela dopo la BCE

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!

Borse: cautela dopo la BCE

MILANO, 14 giugno (Reuters) – L’azionario europeo è debole questa mattina dopo i toni leggermente più aggressivi usati ieri sera dalla Fed, che ha alzato come previsto i tassi di interesse, in un mercato cauto anche in vista del board Bce in cui si discuterà la fine del programma di acquisti di bond in sostegno all’economia.

** Tutti i comparti sono in territorio negativo con i minerari in calo dell’1,3% su dai macro poco confortanti dalla Cina, primo consumatore al mondo di metalli.

** Alle 11,15 italiane il paneuropeo STOXX 600 segna -0,38%, mentre Londra -0,61% e Francoforte -0,14%.

** In controtendenza la farmaceutica GSK che sale dell’1% grazie ai buoni risultati sulla sperimentazione di due farmaci per il trattamento dell’Hiv.

** Rolls-Royce balza di oltre il 3% dopo aver annunciato un risparmio di 400 milioni di sterline grazie al taglio di 4.600 posti di lavoro.

** Volkswagen (DE: VOWG ) cede lo 0,9% dopo una multa da un miliardo di euro per le emissioni diesel.

** Sempre a Francoforte, Grenke ha annunciato un aumento di capitale fino a 200 milioni di euro e lascia sul terreno più del 4%.

Borse, prevale la cautela. La Bce non tocca i tassi, invariati fino a fine 2020

Positive ma con cautela le Borse europee, in una giornata di indicazioni in arrivo soprattutto dalle banche centrali e mentre resta la tensione sul fronte commerciale tra Usa e Cina. Il mercato oggi si è concentrato sulla riunione della Bce e le minute della Fed e sul Consiglio europeo straordinario sulla Brexit. La Bce, come atteso, ha lasciato i tassi invariati e ha confermato che resteranno invariati almeno fino alla fine del 2020. Dalle minute della Fed il mercato punta a comprendere quali siano gli elementi che hanno portato al rapido cambio di rotta della banca centrale Usa, con i mercati che stanno già iniziando a scontare una prospettiva del 53% di un taglio dei tassi entro la fine dell’anno. Per quanto riguarda la Brexit, l’attesa è per capire se il Regno Unito riuscirà a ottenere una proroga di un anno alla scadenza per l’uscita dall’Ue o se andrà verso l’uscita senza un accordo.

Andamento Piazza Affari FTSE Mib

Londra resta indietro, a Piazza Affari bene Stm e Juventus
Tra le Borse europee, Londra resta indietro appesantita dal calo di Reckitt Benckinser mentre Tesco sale di oltre un punto e mezzo grazie ai risultati migliori delle attese dal punto di vista operativo. Sull’azionario milanese, ben comprata Saipem con Capital Research che detiene il 5% del capitale, positive anche Stmicroelectronics e Tenaris. In recupero Prysmian dopo la debacle di ieri sulle nuove difficoltà del cavo WesternLink. Prosegue in rialzo Azimut dopo i buoni dati della raccolta di marzo e il rally del titolo nel primo trimestre, bene anche Juventus Fc vicina ai massimi storici in vista del match di stasera contro l’Aiax nei quarti di finale di Champions League. Viaggiano in ordine sparso le banche, deboli le utility, in coda al listino Atlantia e Ferragamo. Fuori dal listino principale le vendite colpiscono Astaldi, sulle indiscrezioni di un contenzioso in Canada con Bnp Paribas per una commessa che non è stata portata a termine.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!

Andamento dello spread Btp / Bund

BoT, assegnati annuali per 6 miliardi, rendimento in lieve rialzo allo 0,07%
Il ministero dell’Economia ha collocato in asta BoT annuali scadenza 14 aprile 2020 per 6 miliardi di euro, con un rendimento medio ponderato in lieve rialzo di 1 punto base allo 0,07 per cento. Buona la domanda, pari a 9,559 miliardi, per un rapporto di copertura di 1,59. Il regolamento dell’asta cade sul prossimo 12 aprile.

Spread BTp/Bund in calo all’indomani del Def
Sull’obbligazionario, lo spread BTp/Bund è ancora in calo in area 255 punti base, all’indomani della presentazione del Def che dipinge un quadro di crescita ferma per l’Italia e con il debito al 132,8%. In Area euro ieri è arrivata la scure del Fmi che ha nuovamente ridotto le stime di crescita per l’anno in corso. Per l’intera Area il Pil è stato rivisto all’1,3% dall’1,6%, mentre all’interno la maglia nera spetta all’Italia (0,1% da 0,6%) e alla Germania (0,8% da 1,3%). Tra i principali rischi citati dal Fondo ci sono la questione Brexit e l’Italia.

Euro/dollaro poco mosso, sterlina in stallo
Movimenti ridotti sul mercato valutario. L’euro/dollaro resta sotto 1,13 mentre la sterlina rimane all’interno di una forchetta ristretta ed è attualmente scambiata intorno a 1,30 contro il dollaro. «I mercati vedono la sterlina in questi giorni con scetticismo e cautela – spiega Ricardo Evangelista di ActivTrades- la valuta britannica sembra in qualche modo immune da notizie e voci di corridoio. Fino a quando non ci saranno fatti concreti e un quadro più chiaro sull’esito del processo Brexit, è improbabile che il mercato Forex si discosterà dall’incertezza già scontata».

Il petrolio torna a salire dopo la debolezza di ieri
Il petrolio ha chiuso ieri la seduta leggermente in negativo risentendo della revisione al ribasso delle stime sulla crescita globale da parte del Fmi e dalle parole di Putin dalle quali risulta che la Russia ancora non ha chiaro se i tagli alla produzione debbano essere estesi oltre giugno, spiegano gli analisti di Mps Capital Services. Oggi le quotazioni puntano nuovamente al rialzo, con il Brent di nuovo in area 71 dollari.

Borse: cautela dopo la BCE

Chi investe nelle opzioni binarie, spesso, fa delle incursioni anche nel mondo borsistico. Le borse in questa ultima settimana sono state molto caute ed ha pesato soprattutto la reazione alla decisione della BCE in merito ai tassi.

Cosa è successo alla borsa nell’ultima settimana? Per prima cosa si è notata una discesa della borsa di Tokyo che ha perso la vetta conquistata negli ultimi cinque anni. I listini europei, invece, hanno effettuato delle chiusure molto contrastate. A pesare in tutta questa oscillazione ci sono le scelte operate dai governatori delle banche centrali che vogliono stimolare l’economia partendo dalla situazione monetaria.

Dopo la decisione della BCE di tagliare ancora i tassi, è stata la volta della Banca di Corea che ha tagliato il costo del denaro. Invariata, riguardo i tassi, la scelta della Bank of England. Per quanto riguarda lo spread, che alla fine interessa molto anche i consumatori, dopo le indicazioni dell’Eurotower, c’è stata una discesa fino a 260 punti.

Sempre in relazione ai tassi d’interesse, ha sorpreso la scelta della Banca centrale australiana che ha tagliato i tassi di riferimento portandoli al minimo storico che è pari al 2,75 per cento. Non ha sorpreso invece la scelta della BCE sempre più preoccupata della situazione occupazionale del Vecchio Continente.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • Binarium
    Binarium

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!

Like this post? Please share to your friends:
Tutto sulle opzioni binarie
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: